Due giorni a Washington DC



Cosa vedere a Washington DC

Sono arrivato a Washington DC munito di una guida cittadina. In questa guida erano evidenziate 10 must da visitare:

  • la National Cathedral
  • il Lincoln Memorial
  • il National Air and Space Museum
  • la Casa Bianca
  • il Capitol Hill
  • la Library of Congress
  • il Washington Monument
  • l'Arlington National Cemetery
  • il Museo della Storia Americana
  • il Jefferson Memorial

Di queste 10 mete da non mancare, ho potuto visitarne solamente 7. Il Lincoln Memorial l'ho visto solamente da lontano, il museo della Storia Americana era chiuso e il Jefferson Memorial era troppo lontano.

Io, oltre a questi must, vorrei anche segnalare le seguenti mete:

  • il monumento ai caduti del Vietnam
  • il monumento ai caduti della guerra di Corea
  • una passeggiata nel Mall
  • lo Smithsonian Castle
  • una passeggiata a George Town
  • la corte suprema

Vi sconsiglio, invece, di perdere tempo cercando di visitare il Pentagono: non si vede proprio niente!

Come muoversi a Washington DC

Visitare Washington DC è molto semplice grazie ad una capillare e efficiente metropolitana. Tutti i maggiori luoghi di interesse (ad eccezione, purtroppo, di George Town) sono serviti da una fermata della metro. Riguardo alla metro, fate attenzione in quanto il costo del biglietto dipende dalla stazione di partenza a quella di arrivo. Se pagate meno del previsto, dovrete compensare la differenza all'uscita dalla stazione. Poichè la metro ha un costo non irrisorio, vi consiglio il biglietto giornaliero al costo di 7.5$ (attenzione, però: il biglietto è valido solamente dopo le 9.30 del mattino).

Per George Town e per visitare la National Cathedral, è necessario prendere l'autobus. Il costo è di un dollaro e spiccioli (non ricordo). Il biglietto si acquista direttamente sull'autobus, vi consiglio di arrivare con monetine a sufficienza in quanto non è possibile farsi cambiare le banconote a bordo. In un'occasione, non avendo monetine a sufficienza, l'autista, gentilissima, mi ha fatto lo sconto piuttosto che farmi spendere un dollaro in più! Non contate però su questo...

Per visitare la zona denominata "The Mall" vi consiglio di munirvi di scarpe comode in quanto vi aspetteranno lunghe passeggiate. Ah si, dimenticavo: anche il Lincoln Memorial non è raggiungibile tramite la metro (e purtroppo nemmeno tramite autobus...).

Sebbene non abbia mai avuto motivo di temere per la mia incolumità, vi segnalo che ho ricevuto avvertimenti da più persone di non circolare di sera (ovvero dopo le 18-19.00) in quanto la città cessa di essere sicura :-|

La National Cathedral, il Pentagono e l'Arlington National Cemetery

La facciata della National Cathedral
L'Arlington National Cemetery

Da dove cominciare? E' il momento più bello della visita di una nuova città: così tanti posti da visitare e nessun programma! Per il mio primo giorno a Washington DC ho deciso di iniziare la mia visita dalla National Cathedral. La mia scelta era dovuta al fatto che la cattedrale di Washington DC si trova leggermente fuori dal centro e quindi richiede un po' più di tempo per raggiungerla e visitarla.

Sceso dalla metro ho deciso di partire a piedi verso la cattedrale. Purtroppo, ne dalla cartina, ne dal libro della città, era evidente la strada da prendere. Sono quindi partito a caso ma, dopo quasi mezz'ora a piedi e una sola deviazione, ho raggiunto questa imponente chiesa. Si tratta della sesta cattedrale al mondo per dimensioni ed in effetti la sua mole colpisce subito il visitatore. All'interno la guida mi fa notare il rosone centrale e i tre altari. In un angolo noto anche una pietra con un cartello che avverte trattarsi di un pezzo di muro del Pentagono, portato nella cattedrale dopo l'11 settembre.

E' un po' fuori mano e quindi è abbastanza deserta, le masse dei turisti non sembrano essere interessati a questa bella cattedrale, peggio per loro. Per il ritorno verso il centro cittadino, opto per un autobus che mi porta fino alla prima fermata della metro e da li proseguo fino all'Arlington National Cemetery.

Si tratta del più grande cimitero nazionale, dove sono sepolti più di 250.000 caduti in guerra o veterani di guerra. Qui giace anche la salma di JFK, John Kennedy. Passeggio un po' fra i prati e le lapidi di questi soldati. Le lapidi si perdono veramente a vista d'occhio. Incredibile!
Fa un po' impressione anche vedere il businness che c'è dietro ad un cimitero, ma poi penso che anche noi, nel nostro piccolo di Redipuglia, facciamo lo stesso. Solo che qui lo fanno in grande stile!

L'ultima destinazione, prima di pranzo, è il Pentagono. Decido di raggiungerlo con la metro (c'è una fermata apposita) ma non so bene cosa mi aspetterà, non so cosa e se potrò visitarlo. Appena scendo dalla metro, alla fermata Pentagono, noto un gran numero di soldati e poliziotti. Salgo i gradini e mi trovo davanti un cartello che vieta di scattare foto. Esco all'aria aperta, mi giro, cerco, guardo meglio ma del Pentagono nemmeno l'ombra. In effetti... ah si, là dietro al muro, si vede qualcosina... Chiedo ai poliziotti se si può visitare qualcosa o almeno vederlo nel suo insieme ma, gentili ma fermissimi, mi fanno capire che non dovrei essere li e che è meglio che vada a visitare qualcos'altro...

Va bene, ho capito, è ora di andare a pranzo! Ovviamente opto per un hamburger al Pentagono City Center, un bel centro commerciale in cui si può trovare un po' di tutto, anche auto.

La Library of Congress e il Capitol Hill

La Library of Congress
Io con il Capitol Hill sullo sfondo

Dopo una pausa pranzo ristoratrice, risalgo sulla metro e decido di andare a visitare il Campidoglio o, come lo chiamano gli americani, il Capitol Hill. Sceso dalla metro, mi trovo, finalmente, nel centro del centro di Washington DC. Mi avvio a piedi verso il Campidoglio ma la prendo un po' larga per andare a visitare anche la Library of Congress, la più importante biblioteca americana. Come in ogni luogo pubblico di una certa importanza, per entrare bisogna passare attraverso un metal detector e farsi controllare gli effetti personali dai poliziotti (un'eredità dell'11 settembre o piuttosto un effetto della vendita facile di armi da queste parti?). La biblioteca è splendida, gli interni sono ricchi di statue, mosaici e affreschi. Il motivo principale della mia visita, però, sono le due copie delle Bibbie stampate da Gutenberg con la prima versione della sua invenzione. Due libri fantastici, splendidi, peccato solo non poterli fotografare.

Esco dalla biblioteca, molto felice per aver potuto vedere dal vivo queste due opere d'arte (ma siamo sicuri poi che fossero gli originali? E la Gioconda che ho visto a Parigi? Originale o una copia? Non lo sapremo mai...). Proseguo a piedi e raggiungo la Corte Suprema Americana. Sicuramente la avrete vista in qualche film, ora io la vedo dal vero! Si può anche entrare e assistere ai processi, ma non mi pare il caso...

Proseguo ancora a piedi e, finalmente, raggiungo il Capitol Hill, la sede del Senato americano. Splendido, adesso si che sento di essere a Washington DC!!! Purtroppo non è possibile visitarla all'interno in quanto bisogna prenotarsi la mattina presto per avere il biglietto d'ingresso e io sono qui alle tre del pomeriggio. Decido comunque di non farmi abbattere e di godermi questo splendido pomeriggio. Mi siedo quindi su una panchina all'ombra di un albero con vista sulla cupola del Campidoglio. Mi rilasso un'oretta tra uccellini, aria fresca e tantissimi scoiattoli. (P.S. Ho scoperto che le panchine del Campidoglio vengono regolarmente pulite da donne delle pulizie che lasciano anche un bigliettino con nome e ora della pulizia... come in un hotel...).

Purtroppo il caldo (anzi, caldissimo, un pomeriggio di fine agosto con più di 30 gradi) e le tante ore in giro si fanno sentire e decido di rientrare a riposarmi al mio hotel, domani mi aspetta la Casa Bianca!!!

La Casa Bianca, il Washington Monument e the Mall

Una bella immagine della Casa Bianca
Il Lincoln Memorial in lontananza
Lo Smithsonian Castle con le sue nove torri

Il secondo giorno ho deciso di dedicarlo a visitare la Casa Bianca e il quartiere che la circonda, senza dimenticare una visita al Museo dell'Aria e dello Spazio.

Prendo la metro per raggiungere il centro e scendo alla fermata più vicina alla Casa Bianca. Una breve passeggiata e me la trovo proprio di fronte! Beh, sono in piedi di fronte alla White House, chissà se c'è il padrone di casa, proverò a suonare il campanello :-) E' mattina presto e quindi sono molto pochi i turisti e posso godermela in tranquillità, seduto su una panchina nel vicino parco. Proprio davanti all'ingresso, oltre alle due auto di polizia, c'è un giovane no-global che protesta contro le armi nucleari. Come non condividere la sua protesta, ma vorrei vedere se anche in Pakistan, in Russia e in generale in tutte le altre potenze nucleari c'è la possibilità di sedersi davanti alla casa del Presidente e protestare... Aggiro la Casa Bianca per visitarla anche da dietro, è proprio come nei film :-)

Proseguo a piedi verso il grande parco pedonale che mette in comunicazione il Campidoglio con il Lincoln Monument. Per raggiungerlo passo accanto alla sede principale della Bank of America, e a quella della Tesoreria di Stato. Lungo la strada, proliferano i venditori ambulanti di hot dog, hamburger e pizza(!!!). Avevo promesso a Antonella che avrei assaggiato un hot dog da uno di questi venditori, proprio come si vede nei film. Purtroppo, quando ho visto le condizioni igieniche in cui vengono preparati questi panini... Beh, ho rinunciato!

Dopo una piacevole passeggiata, raggiungo finalmente la base del Washington Monument. Si tratta di una specie di obelisco innalzata il secolo scorso per rappresentare la città. Si nota ancora la differenza di colore tra le pietre usate inizialmente e quelle che sono state usate nella seconda fase dei lavori (i lavori erano stati inizialmente interrotti a causa di mancanza di fondi). E' possibile salire fino in cima per ammirare la città dall'alto ma, la lunghissima coda e l'alto costo mi fanno desistere. Ad ogni modo, la vista di questo monumento circondato da bandiere a stelle e strisce e da un parco molto curato e abitato da anatre, è molto piacevole. Soprattutto quando nelle vicinanze atterra un elicottero militare e ti aspetti di veder scendere il Presidente Bush.

Dal Washington Monument, si gode una bellissima vista del parco chiamato "The Mall". Da una parte di vede la cupola del Capitol Hill, mentre dall'altra si vede il Lincoln Memorial. Purtroppo il tempo a mia disposizione non è molto e, soprattutto, la distanza per raggiungere a piedi il Lincoln Memorial è veramente tanta. Decido quindi di partire in direzione contraria, ignorando quindi il Lincoln Memorial, il fiume Potomac e, soprattutto, il monumento ai caduti nella guerra del Vietnam.

Lungo la mia passeggiata, diretto verso i famosi musei di Washington DC, attraverso la Prima Strada (1st street) e raggiungo lo Smithsonian Castle. Si tratta di una specie di castello moderno, con nove torri, in mattoni rossi. Oggi è la sede della Smithsonian Foundation, la fondazione che gestisce e promuove i musei più famosi di Washington.

National Air and Space Museum, Pennsylvania Avenue e l'Old Post Office

La facciata del National Air and Space
Una veduta della Pennsylvania Avenue
La sede cittadina del FBI

Passeggiando lungo il Mall, subito dopo lo Smithsonian Castle, sono arrivato al National Air and Space Museum, il museo dell'aviazione civile e militare e delle missioni spaziali. Ho trascorso all'interno di questo fantastico museo non meno di tre ore! C'è veramente di tutto, dagli aeroplani che hanno fatto la storia, ai moderni Boeing. La parte che mi ha più impressionato, e il motivo della mia visita, è stata la sezione sullo spazio. Vedere le navicelle che sono andate sulla luna, i modellini di space shuttle, le tute spaziali (dalle prime fino a quelle più moderne, da paura!!!), la storia dello spazio attraverso le navicelle che l'hanno resa possibile: fa venire i brividi! E' un peccato non avere abbastanza tempo per leggere tutte le schede informative e per provare tutti gli esperimenti messi in mostra. ASSOLUTAMENTE CONSIGLIATO!!! Se andate a Washington DC dovete visitare questo museo!

All'interno del museo, c'è anche una sezione distaccata dove è possibile pranzare e ne ho approfittato per riposarmi e fare il pieno di energie con un hamburger. Dopo pranzo, e dopo la visita a questo magnifico museo, ho provato a visitare il Museo della Storia Americana. Purtroppo il museo era chiuso per tutta l'estate 2008 per ristrutturazioni e non ho potuto visitarlo :-(

Ho deciso quindi di fare una passeggiata lungo la Pennsylvania Avenue, la via principale di Washington DC. Lungo questa strada si svolge la parata di insediamento di ogni nuovo presidente. Passeggiando sono passato accanto alla sede dell'FBI di Washington DC che festeggiava i 100 anni di storia. E' possibile entrare e visitare gli uffici e gli archivi ma non mi pareva valesse la pena di perdere tempo. Proseguendo arrivo allo US Navy Memorial, un monumento in onore dello US Navy, che ricorda appunto una nave.

L'ultima mia meta è l'Old Post Office, un edificio che ospitava la sede dell'ufficio postale fino al secolo scorso. L'ingresso dell'edificio ricorda i ferri di cavallo, i mezzi utilizzati nel passato per portare la posta in giro per gli Stati Uniti. Oggi questo edificio è stato trasformato in un centro commerciale per turisti: locali dove è possibile pranzare e tanti, tanti negozi di gadget e souvenir. Vi consiglio di passeggiare lungo la Pennsylvania Avenue e di visitare l'Old Post Office ma solo dall'esterno: non vale la pena visitarne i negozi... Diverso discorso nel caso vogliate salire fino in cima alla torre, sicuramente ne vale la pena ma io ero troppo stanco per questo ulteriore passaggio.

Sono quindi giunto alla fine di questa mia due giorni a Washington DC. Purtroppo sono molte le cose che non ho potuto vedere: il Lincoln Memorial, il monumento ai caduti del Vietnam e a quelli di Corea, soprattutto, però, mi spiace di non aver potuto passeggiare nella parte vecchia della città, il quartiere di George Town, caldamente consigliatomi da un amico. Vorrà dire che dovrò ritornarci :-)

Good bye America!!!